Nell’a.s. 2022-2023 la nostra scuola ospita tredici Studenti/Tirocinanti di cui quattro alla scuola Primaria e nove alla scuola dell’Infanzia.

Il tirocinio è un’occasione formativa centrale per lo studente, così come un’opportunità di scambio cruciale per Università e Istituzione scolastica.
Consente allo studente di entrare nella scuola in maniera operativa, anche se in situazione protetta, sotto la guida-controllo-tutela sia del tutor universitario che del tutor scolastico, offrendogli la possibilità di effettuare un’analisi comparata delle diverse realtà incontrate da ciascuno di loro, attivando una riflessione che si alimenta degli studi affrontati a lezione e delle simulazioni effettuate nelle pratiche laboratoriali; può così sviluppare le proprie competenze cercando il punto di sinergia (o di discrepanza) fra la teoria e la pratica, in un continuo feedback che permette di agganciare i saperi all’esperienza e con questi di consolidarla, e di trovare nei saperi appresi il sostegno a ciò che sta facendo.

Attraverso il tirocinio lo studente sperimenta la propria capacità di tradurre operativamente le conoscenze acquisite e, contemporaneamente, impara a riflettere sulle proprie azioni: la grossa opportunità è senza dubbio la possibilità di esperire non solo la propria attitudine e le proprie competenze così come definite dalla normativa, ma anche la propria capacità di accompagnare l’agire con l’attività meta-riflessiva del pensiero critico, favorendo un ragionamento dialettico con se stesso che consenta di aggiustare il tiro in corso d’opera, di rielaborare continuamente e dinamicamente ciò che esegue, producendo un continuo feedback a spirale tra le proprie azioni e i propri schemi mentali.

Altresì la scuola può e deve vivere l’esperienza di accoglienza degli studenti come un’opportunità di crescita per il proprio contesto, grazie al continuo confronto con ‘l’apprendista’ che necessita, inevitabilmente, di una posizione diversa rispetto alla norma da parte del Dirigente e dei docenti: attraverso il rapporto con lo studente la scuola e tutti i suoi professionisti si trova in un certo qual modo a riviversi, a rispecchiarsi per monitorare costantemente la reale coincidenza fra dichiarato e agito, fra pensato e percepito.

Università e Scuola possono, attraverso il dispositivo del Tirocinio Formativo e grazie al trade-union dello studente/futuro professionista, attivare una reale collaborazione per la co-costruzione di un profilo del docente che corrisponda alle richieste e alle esigenze attuali, mettendo in moto un continuo percorso di scambio che solo la ricerca-azione consente.